Proposta di Donato Vena: Mini Titoli di Stato usati come moneta contante

UNA NUOVA PROPOSTA PER SALVARE L'ITALIA

Mini Titoli di Stato usati come moneta contante
per risparmiare miliardi d'interessi sul debito pubblico


Dopo le proposte del ministro Grilli, di Amato-Bassanini e dell'economista Paolo Savona viene presentata oggi un'altra proposta inedita per ridurre il debito pubblico e risparmiare una parte degli interessi pagati su di esso.
La ricetta è descritta in modo analitico nel libro appena pubblicato dal titolo: "La Ricetta - Come portare a zero lo spread" dell'autore Donato Vena.
La proposta descritta dall'autore, detta in pillole, prevede 4 azioni che lo Stato deve fare per risparmierà decine di miliardi:

1. L'Italia emette nell'arco di 2/3 anni 500 miliardi di Mini Titoli di Stato al portatore (ad un tasso fisso del 1% annuo e della durata di 5 anni) e li immette nella liquidità interna tramite il pagamento di stipendi, di pensioni, di acquisti di beni, di prestazioni di servizi (utilizzando banche ed uffici postali).

2. I Mini Titoli di Stato al portatore immessi nella liquidità italiana, vengono uguagliati, con un decreto legge, a “moneta contante” utilizzata per gli acquisti e i pagamenti quotidiani degli italiani (come se fossero una seconda moneta di scambio oltre all'euro).

3. La liquidità recuperata dall'Italia con l'emissione dei Mini Titoli, viene utilizzata per ripagare i tradizionali titoli di Stato in scadenza, bloccandone la loro nuova emissione per 5 anni.

4. La differenza tra il tasso d'interesse pagato dallo Stato sui titoli tradizionali (imposto dal mercato finanziario sottoposto a sbalzi e speculazioni internazionali) e quello dell'1% sui Mini Titoli, diventa la risorsa economica su cui l'Italia può impostare la propria politica di risanamento.

Stiamo parlando di decine di miliardi di euro, per la precisione, in base ai calcoli riportato dall'autore nel libro, a 17,5 miliardi all'anno di risparmio da moltiplicare per 5 anni.
In pratica si sposta un pezzo di debito pubblico tradizionale (detenuto anche da soggetti esteri) nella liquidità della nazione tramite i Mini Titoli che verrano usati dagli italiani come moneta.

L'autore racconta, inoltre, un aneddoto inedito intercorso tra lui ed il Presidente Monti dopo che gli ha inviato una prima lettera che conteneva alcune proposte economiche.
Il 28 dicembre 2011 Vena riceve una telefonata dalla segreteria della presidenza del Consiglio che gli annuncia l’invio della risposta del premier alla sua missiva del 16 novembre 2011.
"Meravigliato e compiaciuto della telefonata, - scrive l'autore - chiesi di ricevere via email la risposta, ma mi venne detto: “per espressa richiesta del Presidente, dobbiamo inviare la lettera a casa”....

P.S.: si allega copia del libro in formato elettronico e siete già autorizzati, se credete, a diffonderlo tra i vostri lettori, pubblicandolo sui rispettivi siti online.

La%20Ricetta%20di%20Donato%20Vena.pdf

_____________________________


pagina 3 del libro

I tacchini di Mario

Il contadino Mario ad inizio anno ha un debito di 2.000 euro con vari creditori e paga loro il 6% d'interesse per un totale di 120 euro all'anno.
Volendo ridurre debito ed interessi escogita un piano: monetizzare 50 contratti di prevendita di altrettanti tacchini - del valore di 10 euro l'uno - da consegnare per il cenone di fine anno.
Mario darà alla scadenza i tacchini ai possessori di contratto o, su loro richiesta, restituirà i 10 euro. Pagherà ad ognuno, inoltre, 10 centesimi d'interesse, pari all'1%.
L'astuto contadino va in paese con i 50 contratti ed effettua la prevendita dei tacchini incassando 500 euro.
Con la somma recuperata Mario estingue subito un quarto del suo debito, risparmiando 30 euro d'interesse - il 6% su 500 euro - che avrebbe dovuto pagare a fine anno ai creditori.
Gli euro risparmiati Mario li destinerà: 25 per ridurre ulteriormente il suo debito e 5 per pagare l'interesse di 10 centesimi ai 50 possessori di contratto.
---------------
Morale della favola: perché l'Italia non fa come il contadino Mario?
I 2.000 euro sono i miliardi del nostro debito pubblico ed il 6% è il tasso d'interesse che paghiamo sui Btp a 10 anni.
Il valore dei 500 euro dei contratti di vendita dei tacchini, sono i miliardi in Mini Titoli di Stato al portatore (tagli da 50, 100, 200 e 500 euro, al tasso d'interesse dell'1% all'anno) che l'Italia immette nella liquidità del Paese, parificandoli a “moneta” corrente con apposito decreto legge.
I 500 miliardi di euro ritirati dalla liquidità italiana - sostituiti dai Mini Titoli - vanno a ripagare parte del debito pubblico.
La differenza tra il 6% pagato sul debito pubblico e l'1% pagato sui Mini Titoli di Stato al portatore, rappresenta il risparmio sugli interessi che l'Italia può realizzare.
Ecco in breve “la ricetta” descritta in questo libro.
Ora, per il bene degli italiani, occorre trovare solo un contadino audace e convinto come Mario.

 

 

Visualizzazioni: 99

Commento da Fabio Marinelli su 21 Agosto 2012 a 10:06

Carissimo Donato Vena,

ho letto la tua proposta e devo dire che mi è piaciuta abbastanza.

Ci sono somiglianze con l’Ordine Esecutivo 11110 di Kennedy guarda il link:

http://fabiomarinelli.ilcannocchiale.it/2012/08/09/proposte_guarino...

 

Altre somiglianze ci sono con i buoni della Rivoluzione Francese e i miniassegni delle banche degli anni ’70.

 

1)      La UE e la BCE faranno obiezioni? E’ una proposta compatibili con Maastricht e gli altri trattati?;

2)      Dato che i mini-titoli danno l’1% all’anno, l’ultimo anno non circoleranno più, perché tutti se li terranno per presentarsi all’incasso del 5%;

3)      Occorre invece dare un interesse negativo (alla Gesell) per impedire ai capitalisti di continuare ad accumulare il denaro;

4)      Pochi lo sanno ma solo il 5% dei soldi di una nazione circolano in contanti, se tu immetti 150 miliardi all’anno per 3 anni, raddoppi i soldi circolanti. A questo punto le banche dovrebbero collaborare con lo Stato per togliere dalla circolazione i soldi normali ed usarli per pagare parte dei debiti  dello Stato, così da non aumentare l’inflazione;

5)      Le banche faranno ostruzionismo, perché così facendo perderanno parte del signoraggio: infatti adesso succede che i titoli vanno alle banche che in cambio danno i soldi allo Stato (sui soldi c’è scritto BCE mica Repubblica Italiana!). La BCE con questo signoraggio attuale guadagna un sacco di soldi che spartisce con la cordata privata di banche che la sostiene;

6)      Kennedy è stato ammazzato subito dopo aver fatto l’ Ordine Esecutivo 11110;

7)      La tua proposta non riduce il debito (se non di una piccola parte), ma lo pospone;

8)      Cosa utile della tua proposta: si potrebbero rendere tali mini-titoli validi solo in Italia, rendendo illegale portarli all'estero;

9)      Per ultima: se non l’hanno già fatto ci deve essere un motivo a cui non abbiamo pensato (però non è detto, perché i politici al potere e i banchieri hanno cervello solo per rubare).

Commento

Devi essere membro di Libro aperto sul futuro dell'homo sapiens - sapiens? per aggiungere commenti!

Partecipa a Libro aperto sul futuro dell'homo sapiens - sapiens?

© 2018   Creato da Fabio Marinelli.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Termini del servizio